Home Primo Piano Una “rana blu” di un successo radiofonico!

Una “rana blu” di un successo radiofonico!

da Cosimo Saracino
Pubblicato Ultimo aggiornamento: 0 commento 44 visite

 

(di Rino Carparelli) – Questa volta parleremo di un musicista mesagnese che pochi ricordano, il fisarmonicista e tastierista Nicola Devicente noto soprattutto per il brano “BLUE FROG” scritto a 4 mani col grande Enrico Simonetti che fece da sigla ad un programma di Radio Rai che celebrava i 10 anni della Hit Parade di Lelio Luttazzi (purtroppo in rete non ho trovato riferimenti ma credo che sia stato trasmesso nel 1977 dato che il programma citato era nato nel 1967). Per fortuna alcuni appassionati hanno digitalizzato queste musiche rappresentative delle migliori sigle radio-televisive italiane e lo si può ascoltare ad es. all’indirizzo: clicca qui dove compaiono, peraltro, alcuni commenti importanti.

I più esperti e non più giovanissimi come chi scrive ricorderanno che il maestro Enrico Simonetti era un conduttore/pianista della televisione, tra l’altro autore del famoso tema dello sceneggiato “Gamma” e scomparso prematuramente già nel 1978. Aveva avviato alla composizione di musica elettronica il figlio Claudio che col suo gruppo “I Goblin” aveva composto le colonne sonore di “Profondo rosso” e altri film di tensione.

Ma qui vogliamo ricordare invece la sua amicizia col nostro compaesano in arte Nick Vincenti o De Vincenti, come si evince dallo spartito delle Edizioni SAAR allegato (collezione privata Carparelli)

Qualche anno prima di questo successo il bravo Nicola mi aveva invitato, insieme ad altri giovani amici musicisti mesagnesi, a suonare con lui in varie occasioni come, veglioni di Capodanno e di Carnevale ma, soprattuto, in alcune edizioni del Festival dei Messapi che si tenne per alcuni decenni presso il Cine-Teatro Candeloro di Manduria. In quelle occasioni sono stato a contatto molte volte con divi della televisione che venivano invitati a partecipare all’evento dal Maestro Enzo Morgante col quale in nostro aveva un sodalizio.

Nicola era, oltre che un bravissimo musicista e arrangiatore di musica leggera, un bravo manager. Selezionava i musicisti che servivano per realizzare l’evento preferendo giovani del nostro paese (Nino, Carmelo, ecc.) e provvedeva a farci avere a fine serata il compenso pattuito. Non conosco le dinamiche della sua formazione musicale ma ricordo bene che possedeva, come pochi, un favoloso organo Hammond che trasportava in una specie di baule protettivo, come se fosse un cavallo di razza.

Il Maestro Simonetti, nei suoi ultimi anni di vita, lo presentò con nome e cognome seduto all’organo nella sua orchestra in una trasmissione TV probabilmente registrata (forse era Capodanno 1976 o ’77).

Non vedo Nicola da tempo e spero stia bene. Lo ringrazio per il contributo che ha dato alla mia formazione musicale.

(p.s. Mi scuso se nel riportare il cognome del personaggio potrei aver commesso degli errori, non sono del tutto sicuro che sia questo, resta il fatto che è molto comune nella nostra Città e potrebbe aver subito varianti, d’altronde non avrei la possibilità di contattare l’interessato o suoi parenti).

(continua ……. sono gradite integrazioni e/o correzioni).

banner distante

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND