Un click su Instagram e si è concretizzato il sogno dei Loy a Sanremo Rock – CRONACA DI UN’AVVENTURA

Un’altra storia di successo. Un altro racconto che vede protagonisti i nostri ragazzi che inseguno un sogno e alla fine riescono a realizzarlo. Quella che vi riportiamo è la cronaca intrisa di emozioni scritta dai Loy, la band partita da Mesagne per il palco dell’Ariston. Un racconto affidato a QuiMesagne che fa bene a tutti e ci rende orgogliosi. Grazie ragazzi e continuate a sognare. Cosimo Saracino

Un semplice click su Instagram e una demo allegata ad una mail per i casting di Sanremo rock ai primi di febbraio di quest’anno. Cosi è iniziata l’avventura che ci ha portati a calcare il palco del teatro più importante della musica leggera e non. Passando dalle selezioni provinciali, alla sofferta finale regionale dove li già c’era un livello musicale altissimo e abbiamo riscontrato il primo successo. Li abbiamo capito che qualcosa finalmente stava andando per il verso giusto e quello che ci eravamo posti come obiettivo si stava concretizzando. Finalmente la chiamata di Valerio Zelli e tutto si trasforma in realtà: “Andate in finale a Sanremo rock!” Non siamo riusciti a tenere a freno l’emozione e fantasticavamo su quello che ci aspettava. Così domenica 2 giugno siamo partiti per Sanremo, 12 ore di viaggio trascorsi in un attimo. Arrivati lì ci siamo sistemati in hotel e via verso l’Ariston per la registrazione e la consegna dei pass. Non stavamo più nella pelle. Circondati da tantissimi musicisti provenienti da tutta Italia ci siamo sentiti subito a nostro agio, era il nostro habitat naturale. Così abbiamo iniziato a fare amicizia con tutti e a confrontarci con gli altri, soprattutto la sera al “Rolling stones” nella zona del lungomare di Sanremo dove tutte le sere, dopo il festival, si svolgevano le jam session. Il 4 giugno alle ore 21 è l’ora della nostra esibizione e prima di salire ci tremavano le gambe ma appena sistemati gli strumenti, inseriti i jack negli amplificatori e trovato la posizione sulla batteria, al primo 4 del batterista non c’è stato nulla che ci poteva fermare e abbiamo dato tutta la nostra anima come non avevamo mai fatto prima.

Al termine dell’esibizione ci sentivamo svuotati ma soddisfatti. Scesi dal palco la soddisfazione più grande è arrivata quando molti musicisti si avvicinavano a complimentarsi. Nei giorni seguenti abbiamo continuato a vedere le esibizioni dei nostri colleghi e abbiamo capito che il livello era davvero alto e soprattutto ci siamo resi conto che l’Italia è un grande paese pieno di talenti musicali che purtroppo non vedremo mai nei Talent e nei programmi televisivi. Purtroppo non siamo riusciti a portare a casa nessun premio ma per noi partire da un semplice “click” ed arrivare all’Ariston e aver vissuto questa stratosferica esperienza è stato il premio più grande della nostra vita e abbiamo capito che il lavoro duro premia sempre e che stiamo facendo il viaggio sulla strada giusta. GRAZIE A TUTTI – LOY

Related Articles