Home dal Comune Un bene confiscato per il Centro Antiviolenza

Un bene confiscato per il Centro Antiviolenza

da Ivano Rolli
0 commento 47 visite

 

image

MESAGNE- Anche la città di Mesagne avrà il suo Centro Antiviolenza e assistenza alle donne vittime di violenza. Ѐ stato firmato, infatti, nei giorni scorsi il protocollo d’intesa tra l’Ambito Territoriale n.4 – di cui Mesagne è comune capofila – l’Associazione di Volontariato «Io Donna» e la cooperativa sociale «Solidarietà e Rinnovamento» di Brindisi. Il protocollo risponde all’Avviso Pubblico del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il potenziamento di questa tipologia di servizi sui territori.
La proposta progettuale punta a potenziare le attività del Centro Antiviolenza “Io Donna” di Brindisi – realtà esistente dal 1991 e associata all’associazione nazionale D.i.Re (Donne in rete contro la violenza) – estendendo la sua azione all’Ambito Territoriale n. 4. Questo permetterà di offrire un servizio di consulenza qualificata con la supervisione ai servizi sociali di ciascun Comune dell’Ambito con la presenza diretta dell’operatrice d’ascolto per l’accoglienza delle donne e costruzione assieme a loro un percorso di uscita dal contesto di violenza e di superamento dello stato di disagio.
Altra importante peculiarità che connota ulteriormente la valenza sociale del progetto è la scelta del Comune di Mesagne di destinare a sede del futuro Centro un immobile confiscato alla criminalità organizzata.
«Qualora il progetto presentato fosse ammesso al finanziamento – ha affermato l’assessore ai Servizi Sociali Manuel Marchionna – Mesagne e tutti i comuni dell’Ambito si arricchirebbero di una opportunità importante considerato che i Piani di Zona adottati dal 2007 a oggi hanno sempre previsto interventi finalizzati alla prevenzione dei casi di abuso e maltrattamento contro donne, bambini e soggetti deboli in generale ma a causa della carenza di fondi non è stato possibile avviare l’importante servizio territoriale. Ora speriamo che sia finalmente tramutabile in realtà».

spazio

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND