UFFICIO RECLAMI – Lettera da Brindisi: “Amo Mesagne ma sistemate la strada d’ingresso”

Riceviamo e pubblichiamo gli elogi, le osservazioni e, soprattutto, le lamentele riguardo alla situazione delle strade a Mesagne della signora Rosa, 50enne di Brindisi, che spesso viene a trascorrere i pomeriggi e le serate di sabato e domenica nel cuore messapico. 

«Io amo immensamente Mesagne, forse anche più di Brindisi, perché come ben sapete, Brindisi è ormai una città che va a morire. Un po’ per colpa di noi brindisini, un po’ per colpa delle amministrazioni, della delinquenza, dell’ignoranza soprattutto. E uscire a fare una passeggiata in Centro è come andare a fare una passeggiata al cimitero, senza offesa per il cimitero. Mi piace spesso venire a Mesagne, anzi la elogio a tutti, perché dico che è un bellissimo paese. E ci verrei anche a vivere se trovassi una casa da sola.

Premesso questo, vengo spesso a Mesagne a mangiare al Celtic perché è un’ottima pizzeria, e poi faccio una passeggiata nel centro storico, visito anche altri locali. Mi piace portare mia figlia Giulia al parco che sta in villa comunale, ben attrezzato, asciutto e con l’erbetta sintetica. E mi piace anche venirci con amiche per il caffè. L’unica cosa è l’entrata di Mesagne: appena sceso il ponte, all’altezza della benzina, c’è una strada disastrata. Insomma, è il biglietto da visita di un bel paese, negli anni il turismo cresce sempre di più, ogni volta che ci vengo mi capita di incontrare inglesi, americani, francesi…

Ma non si può fare un manto stradale di notte per permettere di giorno alla gente di entrare, senza incorrere in pericolose buche sia per gli automobilisti che per chi va in moto? E’ inguardabile e impercorribile. E spero che si possa presto risolvere. Perché la bella Mesagne se lo merita».

Related Articles