Quattro negozi Auchan in Italia oggi cambiano insegna con Conad. E a Mesagne?

Questa mattina quattro negozi Auchan in Italia hanno cambiato l’insegna in Conad. Lo annuncia Francesco Pugliese, CEO della cooperativa italiana che nel 2018 ha sottoscritto l’accordo con il colosso francese degli ipermercati. Una evoluzione partita da Pontevico, Bovezzo, Latina, Roma e che viene attesa anche a Mesagne.

Pugliese scrive: “Guardo il futuro negli occhi. Lo so che nel giro di poco, magari tra un’ora, tutti noi di Conad dovremo affrontare nuove sfide, riceveremo critiche e riconoscimenti e poi altre critiche, però per un minuto vale la pena di prendere fiato, che la salita più difficile deve ancora venire. Negli ultimi mesi da noi abbiamo faticato tutti, in qualsiasi ruolo. Questo successo va oltre le gerarchie.

Pontevico, Bovezzo, Latina, Roma. Qui ci sono i primi negozi che da Auchan diventano Conad. Succede oggi, 9 ottobre 2019, e la nostra testa è là, da loro, con i loro Clienti, con i nuovi Soci imprenditori e con i nostri nuovi colleghi collaboratori che abbiamo confermato in toto. Ma non è che le persone oggi entrano per battere il cinque a questi nuovi colleghi: già adesso c’è da tornare a comprendere le esigenze delle persone e delle comunità per dargli ciò di cui hanno bisogno. Per questo possiamo prenderci solo un respiro: perché tra un minuto c’è da tornare ad affettare la mortadella, più forte e meglio di prima.

Faremo di tutto per conquistare la fiducia dei nostri nuovi Clienti, tra il Grande Viaggio Insieme e qualche mia sviolinata sui social si capisce che non è una faccenda che riguarda solo i nuovi soci e collaboratori che sono arrivati, ma che riguarda tutti e che è alla base della nostra cultura.

Sono felice e sono emozionato. Ma non mi siedo. Conad non si merita uno che dice “ecco, sono arrivato” e non posso permettermi di farlo, io come diceva Beppe Viola “Tengo duro per migliorare il mio record mondiale di mancata carriera”. Oggi c’è festa, saranno forse cinque minuti, poi si torna a lavorare per unire, a spaccarci la testa per capire il mondo in cui ci troviamo e continuare a essere bravi a dare il meglio possibile per i clienti, i nuovi soci imprenditori e i loro collaboratori tutti”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *