Il mesagnese Bruno Levati è il nuovo comandante del 36° Stormo di Gioia del Colle

distante600X150

bruno-levatiSi è svolta ieri mattina presso l’Aeroporto Militare di Gioia del Colle la cerimonia di avvicendamento al Comando del 36° Stormo tra il Colonnello Andrea Fazi, comandante uscente, ed il Colonnello Bruno Levati, comandante subentrante.

Il Colonnello Bruno Levati, nato a Mesagne il primo aprile del 1970, in precedenza aveva comandato il 212° Gruppo di Volo. Pilota di provata esperienza con circa 3.000 ore di volo su velivolo a reazione, inizia la sua avventura aeronautica entrando in Accademia Aeronautica il 27 agosto 1990 con il corso MARTE IV.
Terminati gli studi accademici viene inviato presso la scuola ENJJPT (Euro Nato Joint Jet Pilot Training) di Sheppard in Texas (Stati Uniti) dove, il 4 agosto del 1995 ottiene il Brevetto di Pilota Militare.
Rientrato in Italia viene assegnato presso la 61^ Brigata (Ora 61° Stormo) per effettuare il corso pre-Tornado propedeutico alla fase di conversione operativa effettuata in Inghilterra presso il TTTE (Trinational Tornado Training Establishement) di Cottesmore.
Nel marzo del 1996 Levati viene assegnato in qualità di pilota alla 381^ Squadriglia del 156° Gruppo CBOC (Caccia Bombardieri Ognitempo Convenzionali), al 36° Stormo di Gioia del Colle (Bari).
Nel 1999 durante l’operazione Allied Force/Simun comanda la 381^ Squadriglia.
Durante il periodo di permanenza presso il 36° Stormo ricopre i seguenti incarichi:
– Ufficiale UNITREP (Unit Representative) presso il CAOC (Combined Air Operations Center) della 5^ ATAF e presso l’ITALDEL (Italian Delegation) di Vicenza;
– Ufficiale Sicurezza Volo del 156° Gruppo Volo;
– Capo Sezione Piani e Operazioni;
– Capo Centro Operativo di Base;
– Capo Ufficio Operazioni;
– Capo Nucleo Tattiche Operative e Guerra Elettronica del 156° Gruppo;

caccia-gioia-del-colleLevati rimane a Gioia del Colle per oltre 12 anni collezionando più di 2200 ore di volo sul Tornado, mentre il primo luglio del 2008 c’è il ritorno al 61° Stormo questa volta in qualità di istruttore. Prima di diventare Comandante del 212° Gruppo SMI (Slow Mover Interceptor) ricopre l’incarico di Comandante del GEA (Gruppo Efficienza Aeromobili).
In oltre quindici anni di attività in qualità di pilota il Tenente Colonnello Levati ha volato su: SF 260AM, T 37A, T 38A, Tornado e ovviamente MB 339A e CD
e non solo, in quanto come tutti i piloti di Forza Armata l’alto grado di istruzione militare avviene anche partecipando ad una moltitudine di corsi, fra i quali:
– 231° Trinational Tornado Training Operational Convertion Course e 243° Advanced Course, presso la Royal Air Force Base di Cottesmore, in Inghilterra;
– Scuola di Guerra Aerea, modulo “A” e “B” e 65° Modulo Normale per Capitani e Corso Comando;
– Corso OJT simulatore di volo — Istruttore di Guerra Elettronica;
– 33° Corso Sicurezza Volo;
– 70° Corso Istruttori di Specialità;
– Corso Istruttori di Volo;
– Corso Istruttori Lead In Fighter Training
– 16° Corso Piloti Collaudatori di produzione;
– Tactical Leadership Programme Night-NVG-Flying Corse presso Moron della Frontiera, in Spagna;
– Corso Joint Combat Operations/Close Air Support presso Sembach Air Base, in Germania;
– Corso Istruttori Crew Resource Management MTT institute in Memphis-Tennesse, negli Stati Uniti;
– 12° Corso ISSMI e 11° Corso Interforze per Consigliere Giuridico nelle
Forze Armate.
Durante il servizio, gli sono state concesse le seguenti onorificenze:
– Medaglia Aeronautica d’Argento per Lunga Navigazione Aerea;
– Distintivo Bellico d’Argento — Specialità Caccia per aver partecipato alle operazioni “Allied Force” e “Deliberate Forge”;
– Croce commemorativa per la partecipazione alla missione di pace in Bosnia;
– Medaglia NATO per il Kosovo;
– Medaglia NATO per la ex Jugoslavia;
– Croce d’Argento per Anzianità di Servizio;

Ecco un video della manifestazione

 

Related Articles