L’Esercito Italiano ricerca ufficiali medici e sottufficiali infermieri

È stata appena pubblicata la Procedura straordinaria ai sensi dell’articolo 7 del Decreto Legge 16 marzo 2020 di arruolamento per chiamata diretta nell’Esercito Italiano di 120 ufficiali medici e di 200 sottufficiali infermieri – 2020. Ne dà notizia l’onorevole mesagnese Gianluca Aresta.

Scadenza tra 7 giorni, maggiorni informazioni al seguente link:

👉 https://concorsi.difesa.it/ei/nominadiretta/Straordinario2020/Pagine/home.aspx

In considerazione della situazione emergenziale in atto, si approntano presidi sanitari straordinari anche per il servizio sanitario militare in grado sia di fronteggiare il recente trend incrementale dei contagi sia di sostenere e supportare sinergicamente tutte le altre strutture di qualsiasi livello del Servizio sanitario nazionale.

Una situazione del tutto straordinaria, non codificata e senza precedenti, tenuta presente la ristrettissima tempistica a disposizione, approntando istituti e modalità con carattere di eccezionalità e non ripetibilità [ancorché in linea con i principi generali dell’ordinamento], che consentono alla #Difesa e alle #ForzeArmate di approntare le indispensabili risposte connotate da credibilità, adeguatezza e tempestività.

È fondamentale, pertanto, rinforzare temporaneamente e in via eccezionale i servizi sanitari delle Forze armate, attraverso il potenziamento delle risorse umane e strumentali. In particolare, è stata stimata la necessità di incrementare il personale medico e infermieristico militare per 320 unità, di cui 120 medici e 200 infermieri, attraverso l’arruolamento straordinario e temporaneo, con una ferma eccezionale della durata di un anno.

Tale personale sarà inquadrato con il grado di Tenente per gli ufficiali medici e di Maresciallo per i sottufficiali infermieri, in linea con la ripartizione in categorie per il personale militare prevista dal Codice dell’ordinamento militare. In particolare, a tale personale sono attribuiti lo stato giuridico e il trattamento economico indicati per i pari grado in servizio permanente.

Ciò in analogia a quanto disposto per altre fattispecie di servizio temporaneo, tuttavia non utilizzabili nella situazione contingente a causa della ristrettezza dei tempi (artt. 937, comma 2, 988, 1799 del COM).

Le predisposte procedure per l’arruolamento, per quanto semplificate, rispondono all’obiettivo di garantire, in una tempistica adeguata e comunque entro il prossimo mese di aprile, la selezione delle migliori professionalità possibili, attraverso i giudizi formulati dalle commissioni di avanzamento dell’Esercito italiano istituzionalmente competenti per tali necessità.

Analoga procedura è utilizzata per la costituzione della c.d. “riserva selezionata”, la cui disciplina discende dall’articolo 674, comma 5, e 987 del Codice dell’ordinamento militare, per l’acquisizione di particolari e pregiate professionalità di cui le Forze armate risultano carenti per lo svolgimento delle attività operative prevalentemente all’estero.

Giovanni Luca Aresta
M5S IV Commissione Difesa

Related Articles

1 Comment

  • Nuccio S , 20 Marzo 2020 @ 2:20

    Sarà la prova del 9 per vedere quanti uomini valorosi abbiamo in Italia…

Comments are closed.