Home Primo Piano La New Virtus Mesagne vende cara la pelle e cade solo nel finale

La New Virtus Mesagne vende cara la pelle e cade solo nel finale

La cronaca del match a cura di Alessio Aresta

da Cosimo Saracino
0 commento 45 visite

Sprazzi di vera, concreta e convincente New Virtus (finalmente!) mettono alle corde la Mola New Basket (seconda forza del campionato): i mesagnesi vincono due quarti (il primo ed il terzo) e conducono fino a metà del secondo periodo. Fatale la girandola dei cambi: la partita viene condotta dai padroni di casa fino a metà del secondo quarto; poi la differente qualità della panchina ospite scava un solco di 7-26 che i gialloblù non riescono più a colmare.

Alla palla a due, coach Romano schiera il quintetto alto con Taddeo, Angelini, Budrys, Ranitovic e Risolo prendendo subito il controllo delle plance nel proprio pitturato per non lasciare a Brunetti e compagni secondi tiri. I mesagnesi son svegli e rapidi nel ripiegare senza esporsi mai ai contropiedi avversari, che tanto male avevano fatto nel confronto di andata. Limitati nella corsa, i baresi ripiegano nel gioco tra Dilascio ed i propri lunghi. Il folletto ospite è imprendibile ed indemoniato: Taddeo prova a limitarne l’azione, ma dalle sue mani nascono e crescono punti e assistenze per i propri compagni. La New Virtus tiene bene, corre in campo aperto e non lascia schierare la difesa avversaria: un indemoniato Ranitovic imperversa nel pitturato (alla fine saranno 23 punti per lui). I mesagnesi ripiegano e ripartono chiudendo in vantaggio per 21 a 13 il primo quarto.

Nel secondo quarto il coach ospite sistema l’attacco, decentrando il “pick and roll” tra Dilascio, Brunetti e Barnaba lontano dall’aiuto a centro area dei mesagnesi. L’accorgimento funziona, la difesa non riesce a spingere fuori binario l’attacco avversario ed i canestri fioccano fino al 21-25: parziale mortifero coinciso con le prime rotazioni in campo; la panchina di casa corre ai ripari e dopo il timeout si rimedia al quintetto in campo fermando l’emorragia sul 28-39 (un secondo tempo perso 7-26!).

Il terzo quarto è di marca gialloblù: di voglia e di rabbia si rientra sul 43-47. La chiave è la difesa a zona comandata da coach Romano (adattata e sistemata per chiudere le sortite centrali e correre velocemente negli angoli a coprire le triple sugli scarichi). Dilascio e compagni non ci prendono più: Budrys in punta oscura le linee di passaggio interne, rubando palloni su palloni. Il palazzetto ribolle, i ragazzi di casa giocano l’ultimo possesso del quarto per il probabile pareggio, ma lo sprecano malamente tirando con ancora 8 secondi sul tabellone e forzando anzitempo la giocata. Si chiude sul 50-52.

L’ultimo quarto è palpitante: le squadre viaggiano botta e risposta per tutti i 10 minuti. La panchina mesagnese imbriglia una volta per tutte l’attacco barese alternando zona pari e dispari. La confusione ospite è tale da riuscire a perdere 5 palloni di fila (in totale saranno 9 tra terzo ed ultimo periodo) fino al momentaneo -1, quando un contropiede facile facile viene mal gestito col pallone che termina direttamente in fondo. Mola resiste e non desiste (bontà loro): Calisi, fino ad allora evanescente, si alza dalla panchina e sul primo ribaltamento di fronte ha forza e coraggio per segnare la tripla che spezza il fiato dei padroni di casa sul 57-63. La New Virtus ne risente, stenta e spreca il possesso successivo che corre in angolo tra le braccia di Amigo che si alza dall’arco per il mortifero 57-66 (parziale di 0-6 in 20 secondi). Partita finita… altroché: Angelini, pressato, anticipato, strattonato e “curato” per 38 lunghi minuti decide che ne ha avuto abbastanza: riceve da quasi centrocampo, si alza e segna trovando solo la retina e scatenando il pandemonio sugli spalti. Budrys ruba l’ennesima palla in difesa e serve Gallo che da solo inventa un arresto e tiro dal pitturato per il 62-66. Mancano 30 secondi: Mola chiama il timeout e traghetta la rimessa nella metà offensiva. Mesagne commette un fallo rapido: Calisi (ancora lui) è freddissimo dalla lunetta. I nostri meno, il successivo attacco non va a segno ed è la resa definitiva sul 62-68.

Questo è ciò che vuole la gente dalla squadra: un motivo per lottare e crederci tutti assieme. Un piccolo primo passo è stato compiuto, i decibel sono saliti d’intensità…ora non sperperare. Continuare uniti a lottare gli uni per gli altri!

Tabellini:

SERIE C GOLD 4° RITORNO: NEW VIRTUS MESAGNE 62 – 68 MOLA NEW BASKET 2012

New Virtus Mesagne: Bellanova, Pellecchia, Ranitovic 23, Risolo, Budrys 12, Angelini 8, Crovace 3, Gallo 7, Zullo n.e., Taddeo 9.

Mola New Basket 2012: Stimolo, Di Diomede 6, Didonna 2, Amigo 12, Dilascio 15, Preite n.e., Brunetti 13, Calisi 5, Lepore Dario n.e., Lepore Daniele n.e., Pinto n.e., Barnaba 15.

 

spazio

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND