Il Mesagne cade a Vieste con carattere

  
(di Mauro Pasimeni)- Esce sconfitto per una rete a zero il Mesagne, dalla lunga trasferta di Vieste.Allo stadio Riccardo Spina, il Mesagne ha buttato una grossa occasione per strappare almeno un punto alla squadra locale.

La partita è stata condizionata dall’espulsione di Serio arrivata al 35’ del primo tempo, per un fallo a palla lontana, ma rivelato dall’assistente di gara, e il signor Lopez di Bari, ha tirato subito fuori il cartellino rosso, condannando il Mesagne a giocare i restanti minuti del primo tempo, e tutto il secondo tempo, con un uomo in meno.

Eppure il Mesagne visto a Vieste è stata veramente una bella squadra, compatta, grintosa, determinata, e scesa in campo senza paura e sicura di poter fare risultato.

Nell’undici iniziale, mister Ribezzi presenta alcune novità. In avanti è costretto a fare a meno del suo bomber Pascual, infortunatosi durante la settimana, al suo posto Morelli, in difesa si accomoda in panchina Angelè, e a formare la coppia centrale sono Serio e Boualam, mentre a centrocampo Morleo viene affiancato da Allegrini, con Coccioli che agisce all’esterno.

Il Vieste ad inizio partita è costretto a rinunciare al suo uomo gol, Rocco Augelli, uscito dopo appena dieci minuti di gioco, per infortunio.

Senza i propri attaccanti titolari, entrambe le squadre faticano a trovare la via del gol, e il Mesagne riesce abilmente a controllare gli avversari, che sul proprio campo non avevano mai perso, risultando una vera e propria macchina da gol.

Purtroppo il primo tempo, viene macchiato, dal cartellino rosso di Serio, che condizionerà non poco il resto della gara.

Ad inizio secondo tempo, e precisamente al decimo, il Vieste, trova la via del gol, grazie ad una incornata di testa su calcio d’angolo, del suo difensore Paolo Augelli; questo sarà il gol che deciderà la partita, e regalerà al Vieste tre punti fondamentali per la propria classifica, collocandosi al quarto posto in solitario, con 19 punti, ottenendo così la quinta vittoria su sei partite giocate in casa, mentre il Mesagne subisce la sua quarta sconfitta lontano dalle mura amiche, restando ferma a quota dodici.

Nel finale il Vieste ha sfiorato in alcune occasioni il gol del vantaggio, ma ad avere clamorosamente l’occasione per rientrare in partita, e magari ottenere alla fine dei novanta minuti di gioco un punto importantissimo, è stato proprio il Mesagne, che nonostante l’inferiorità numerica, si è riversata tutta in avanti, ma l’arbitro della gara, il signor Lopez, non ha concesso un calcio di rigore, per una evidentissima trattenuta di maglia, ai danni del neo entrato Greco.

A questo punto al Mesagne, che sino a quel momento aveva condotto una partita eccellente, son saltati i nervi, e a farne le spese è stato il numero undici Marco Del prete, espulso per doppia ammonizione, e dalla panchina è stato mandato fuori, il dirigente Giansante.

Il Mesagne chiude in nove, tra espulsi e ammoniti – ricordiamo che tra gli ammoniti figura pure il nome di Coccioli, che diffidato, salterà la partita di domenica prossima contro l’Altamura – una partita che probabilmente ha rafforzato le convinzioni di un gruppo, che lotterà per la salvezza sino alla fine, vendendo cara la pelle, partita dopo partita.

A fine gara Mister Ribezzi è orgoglioso della propria squadra, e commenta così: “Sono orgoglioso dei mie ragazzi, e sono convinto che ci salveremo, è un messaggio che do al mio gruppo e a tutta la piazza. L’espulsione sicuramente ha determinato un cambiamento della partita, abbiamo dovuto giocare indietreggiando il nostro baricentro, ed a fare dei cambi forzati, però i miei ragazzi hanno dato l’anima, e se continuiamo ad avere questa mentalità, e sono sicuro che l’avremo, perché a fine partita ho visto in tutti la voglia di continuare a lottare, raggiungeremo i traguardi prefissati.

A fine partita non ci hanno concesso un rigore che tutti hanno visto, che avrebbe regalato un pareggio meritato soprattutto sul piano della voglia e della determinazione.

Non dobbiamo avere paura, siamo un grandissimo gruppo che c’è la giocheremo con tutti, è questa la consapevolezza che ho visto nei miei ragazzi”.

Mister Franco Cinque, allenatore del Vieste, commenta così: “Non è stata una partita bellissima, ed il merito va anche al Mesagne che è stato un avversario molto tosto, pur giocando in dieci uomini, hanno sempre chiuso tutti gli spazi, non facendoci mai ripartire, noi abbiamo comunque meritato la vittoria; quando siamo rimasti con l’uomo in più, siamo stati bravi a gestire meglio la palla”.

I TABELLINI:

ATLETICO VIESTE: Innangi, Augelli Paolo, Caruso, Giannuzzi, Sollitto, Camasta, Augelli Rocco(Stoppiello), Silvestri, Triggiani, Colella, Sanè(Gallo). A disposizione di mister Cinque: Bua, Langi, Santoro, Kouame, Masanotti.

MESAGNE: Muscato, Del Prete Matteo, Coccioli, Allegrini(Perlangeli),Serio, Boualam(Greco), Zanzariello, Morleo, Morelli(Angelè), Mummolo, Del Prete Marco. A disposizione di mister Ribezzi: De Carlo, Camisa, Membola, Sbano.

RETE: al 10’st Augelli P.

ESPULSI: Serio e Del Prete Marco per il Mesagne

Arbitro il sig. Lopez di Bari

Primo assistente il sig.Gasparre di Bari

Secondo assistente il sig.Patruno di Bari

QUESTI I RISULTATI DELLA DECIMA GIORNATA:

Mola – Grottaglie 1-0

Vieste – Mesagne 1-0

Barletta – Leverano 1-0

Bitonto – Locorotondo 1-0

Novoli – Molfetta 1-1

H.Taranto – Casarano 2-1

Altamura – Gravina 2-2

Trani – Castellaneta 3-1

UC Bisceglie – Otranto 2-3

LA CLASSIFICA:

Gravina 23, Casarano 21, Mola 20, Vieste 19, Uc Bisceglie 17, Bitonto, Locorotondo, Barletta 15, Molfetta, Trani 14, Altamura 13, Mesagne, Otranto 12, Novoli 11, H.Taranto, Castellaneta 10, Leverano 6, Grottaglie 5.

PROSSIMO TURNO:

Grottaglie – Trani

Casarano – Mola

Castellaneta – Barletta

Gravina – H.Taranto

Leverano – Novoli

Mesagne – Altamura

Molfetta – Uc Bisceglie

Otranto – Bitonto

Locorotondo – Vieste

 

administrator

Related Articles

1 Comment

  • giovanni , 9 Novembre 2015 @ 9:09

    forza ragazzi

Comments are closed.