Home Cultura “Feminae Virtus”, l’anima poliedrica della donna e dell’universo femminile

“Feminae Virtus”, l’anima poliedrica della donna e dell’universo femminile

da Cosimo Saracino
0 commento 165 visite

(di Sara Calvano) – L’esposizione della personale “FEMINAE VIRTUS” di Angioletta De Nitto, a cura di Dores Sacquegna presso le sale espositive del Castello Normanno Svevo di Mesagne, è stata prorogata fino al 6 giugno. Il successo riscosso nei giorni precedenti ha sorpreso tutti.

La De Nitto nonostante sia inserita attivamente nel panorama artistico nazionale ed internazionale, a partire dal ’96 in Italia e all’estero, ha scelto di vivere e svolgere la sua attività professionale nella sua città natia Mesagne. La sua ultima serie “FEMINAE VIRTUS” nasce dal suo profondo desiderio di raffigurare la donna in ogni sua forma, evidenziando le infinite sfaccettature del suo essere.

L’artista illustra: «… ogni opera è nata nell’intimità del mio studio, dal prorompente desiderio di comunicare una convinzione, una realtà, una speranza, una sofferenza … ogni opera raffigura una pagina scritta del mio diario … ho dipinto solo per me e soltanto pochi mesi fa ho deciso che era arrivato il momento per condividerli». Sorridendo continua: «Ci sono voluti poco più di tre anni per realizzare questa serie di diciannove dipinti e tanto, tanto studio, per conoscere i significati della simbologia degli animali, delle piante, di tutti quegli elementi che mi consentissero di rappresentare i miei pensieri, così come sono stati davvero tanti i bozzetti e i disegni…Tutto nasce da una necessità interiore, dipingere l’essere donna, con i suoi pregi e virtù, vizi e difetti, la sua straordinaria capacità di truccarsi e indossare maschere per nascondere le proprie intime verità e la sua eccezionale abilità nel rinascere ogni giorno. Non è stato un lavoro facile».

Le opere esposte sono un susseguirsi di rebus in cui decifrare un’infinita varietà di simboli che si incastrano alla perfezione. L’artista, soffermandosi sul dipinto “NUTRIMENTI”, spiega: «la figura della geisha è l’immagine della donna educata, colta e ricca di talento. La coppia di colibrì (simbolo dell’amore per la vita, del coraggio della perseveranza e della resistenza) è intenta a nutrirsi attraverso l’orecchio della geisha di tutte le energie vitali ed intellettuali della donna. L’aver dipinto una geisha di spalle che guarda verso lo spazio infinito, interrotto da un albero di ciliegio in fiore (simbolo di ricchezza e buon auspicio, di pazienza e rispetto…) permette a ciascuna di noi di immaginarsi protagonista della vita».

 

Tutte le opere esposte sono un inno all’essere donna.

Uno dei tanti compiti delle donne è quello di insegnare il rispetto, e proprio dell’ultima sua opera dal titolo “RISPETTO” Angioletta De Nitto spiega: “… sono convinta che l’idea di rispetto, in tutte le sue forme, deve essere al primo posto nella mente delle madri. Rispetto per se stesse, farsi rispettare, rispettare gli altri ed insegnare il rispetto è fondamentale per la convivenza in pace dell’umanità. Ho voluto affidare questo mio pensiero alla figura della Donna-Madre che è datrice di vita biologica ma anche di linfa valoriale che, prima nel proprio grembo e poi fuori potrà irrorare tutto il percorso educativo del proprio figlio. Solo così il bambino, avvolto dalla madre, in posizione di farfalla, potrà sentirsi legato con un filo ad un palloncino-il mondo intero in una armonia fiduciosa e rispettosa verso tutti gli esseri viventi. L’etichetta con la bandiera dell’Ucraina ferma l’attenzione sul drammatico momento storico che stiamo vivendo».

Angioletta De Nitto è la protagonista dei suoi stessi dipinti. Soffermandosi sulla propria essenza e accantonando per un attimo le aspettative dell’osservatore, l’autrice ha espresso il suo pensiero rivelando un altro volto della sua anima poliedrica.

 

banner distante

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND