spazio

Blitz dei carabinieri al Commerciale, droga lanciata dalle finestre della scuola

Itc “E. Ferdinando”

A un solo giorno dall’insediamento nella Stazione dei carabinieri, il comandante Luigi D’Oria ha già avviato un’azione di contrasto negli istituti scolastici mirata a prevenire e neutralizzare il fenomeno, sempre più pericoloso, del consumo di droga fra i giovanissimi: recuperati e sequestrati quattro grammi di marijuana nel giardino dell’Itc E. Ferdinando.

Sono scattati questa mattina, 22 ottobre, i controlli dei carabinieri con il supporto dei colleghi del nucleo cinofili di Modugno negli istituti scolastici di Mesagne. A ricevere il primo blitz, le classi dell’istituto commerciale di via Damiano Chiesa intorno alle 8.30, poco dopo il suono della campanella.

Appena s’è sparsa la voce, ed è passato veramente poco, questione di minuti, è partita la tattica di «salvezza» attuata in contemporanea da ragazzi e ragazzini che, trafelati, si sono precipitati alle finestre, e hanno iniziato a lanciare.

Mentre i colleghi ispezionavano le aule con i cani, controllando bagni, zaini e cestini dei rifiuti, gli altri militari sono rimasti fuori a seguire e annotare le traiettorie dei lanci. In giardino avvolti nel domopak sono stati recuperati e sequestrati quattro grammi di marijuana.

Il dirigente scolastico e gli insegnanti non sapevano nulla dell’intervento, ma hanno collaborato «con piena disponibilità».

Related Articles

1 Comment

  • ALDO VANGI , 22 Ottobre 2019 @ 21:26

    Non vi è stato alcun blitz; non è stato trovato alcunché dentro la scuola; infatti l’ispezione ha avuto esito negativo, così come risulta dal verbale dei Carabinieri, e nelle vicinanze della scuola al suo esterno è stata trovata una sigaretta dal dubbio contenuto che i Carabinieri dovranno analizzare. Queste notizie spettacolari non fanno bene ad alcuno né a chi le fornisce né a chi le riceve. Di certo siamo contenti dell’esito negativo dell’ispezione concordata e non abbassiamo la guardia per il bene di Mesagne e delle sue scuole superiori. Tranquillizziamo, pertanto, le famiglie. Prof. Aldo Vangi.

Comments are closed.