Basket pugliese: settimane difficili in casa New Virtus Mesagne

La società cestistica messapica, militante nel Campionato Regionale di C Gold, decide di rompere il silenzio e rende noti i motivi che hanno portato alla sofferta decisione di non partecipare al campionato in corso, per voce del Presidente Ivano Guarini.
Facciamo un passo indietro: lo scorso 28 ottobre, in seguito al DPCM del 25 ottobre e nel rispetto delle indicazioni ivi contenute in materia di sport e Covid19, il comitato FIP Puglia aveva comunicato lo spostamento dell’inizio dei campionati a gennaio 2021, rimandando a quella data maggiori informazioni circa la riformulazione dei calendari e la struttura del campionato stesso.


In data 18 febbraio, quindi, lo stesso comitato aveva comunicato la struttura del nuovo torneo di C Gold, che avrebbe visto la partecipazione di squadre non solo pugliesi, ma anche campane e calabre. Dopo una prima fase giocata nel territorio di appartenenza, infatti, le fasi successive si sarebbero sviluppate con scontri interregionali.
Allo stato attuale delle cose, il comitato FIP Campania, che ha organizzato e gestisce il campionato, non ha illustrato in via definitiva le regole e le indicazioni circa questa seconda fase, rimandando il tutto ad un successivo comunicato ufficiale.
Queste le parole del Presidente Ivano Guarini, che ci spiega le motivazioni della faticosa decisione: “Non è stato facile arrivare a questa risoluzione. Come New Virtus, abbiamo passato intere giornate a confrontarci con le altre società pugliesi e con il comitato, nella speranza di raggiungere condizioni migliori per tutti.

Quindi, supportato dal parere prezioso dei miei dirigenti, ho deciso di non rinnovare la partecipazione della mia società al torneo 2020-21. Le ragioni sono principalmente di natura sanitaria. Affrontare trasferte fuori regione, soprattutto in terra campana, attualmente una tra le più colpite dal Covid, avrebbe messo a rischio la salute dei giocatori, dello staff e della dirigenza tutta. La nostra priorità, al momento, non è quella di partecipare ad un campionato che non si sa se potrà essere concluso, ma difendere la salute di chi orbita intorno al pianeta Virtus. Ancora prima dell’inizio delle gare ufficiali, alcune società sono state colpite da Covid in seguito ad alcune amichevoli giocate in queste settimane. Noi ne sappiamo qualcosa, perché abbiamo vissuto sulla nostra pelle questa esperienza ad ottobre, quando eravamo in fase di preparazione. Durante l’amichevole contro il Monopoli, infatti, alcuni dei nostri tesserati furono contagiati e dovettero affrontare notevoli problemi di natura personale. Non dimentichiamo che la maggior parte dei giocatori che praticano in C Gold non sono professionisti della pallacanestro, hanno cioè un’attività lavorativa principale che consente loro di sostenersi e mantenere le famiglie. Un contagio, o anche solo una determina di quarantena, inevitabilmente finirebbe per avere ripercussioni sulle vite dei nostri atleti: c’è paura di perdere il lavoro, c’è il timore di contagiare le proprie famiglie, in alcune delle quali ci sono anche situazioni di fragilità. Siamo fiduciosi di poter riprendere, la prossima stagione, in condizioni diverse. Al momento abbiamo deciso di fare un passo indietro, nel rispetto di chi lavora per noi e di chi gravita, anche solo indirettamente, intorno alla nostra società”.

administrator

Related Articles