Ancora tanti centini al Liceo Scientifico e Coreutico di Mesagne

 

Si è concluso sabato 3 luglio l’Esame di Maturità, o più recentemente detto di Stato, nell’indirizzo Scientifico-Coreutico dell’“E. Ferdinando” di Mesagne. Ben 10 ragazzi hanno raggiunto la valutazione di 100/100 e 8 quella di 100 cum laude: nel Liceo Tradizionale sono sei i cento e tre i cento e lode; nel Liceo Coreutico sono due i cento e lode e uno il cento; nel Liceo delle Scienze Applicate sono tre i cento e tre i cento e lode. Un risultato veramente entusiasmante in un anno difficile per la scuola, che ha affrontato ancora la Didattica a Distanza nel secondo anno di pandemia da Covid 19.

Dopo un mese in presenza, alla fine di ottobre la quasi totalità delle famiglie ha optato per la DaD, sicché, con brevi intervalli in presenza, le lezioni si sono svolte a distanza pressoché fino alla fine dell’anno scolastico, con grande impegno da parte di docenti e alunni e con grande attenzione da parte del Dirigente scolastico, prof. Aldo GUGLIELMI, il quale ha sempre colto l’occasione per incoraggiare e appoggiare il corpo docente, che con il suo lavoro ha fatto sì che il percorso scolastico degli studenti fosse il più regolare e il più appropriato possibile. Con la DaD tutto si amplifica e diviene più complicato, ma la dedizione dei protagonisti dell’insegnamento ha permesso prima la riaffermazione di un rapporto solido tra docente e discente e poi una vera messa in moto dei saperi, veicolati con strumenti e metodologie diverse, ma certamente efficaci, visti i risultati finali per tutte le classi.

Con impegno e assiduità le quinte classi del Liceo Scientifico-Coreutico hanno potuto completare l’itinerario liceale ricco di conoscenze e competenze disciplinari, come di attività, esperienze e progetti di carattere letterario e scientifico di alto livello, offrendo un riscontro della loro preparazione proprio durante la prova d’esame, apprezzata dalle presidenti delle due commissioni, prof.ssa Rita Ortenzia DE VITO e prof.ssa Carmen TAURINO, che con competenza ed equilibrio hanno saputo armonizzare i lavori delle sottocommissioni e valorizzare i colloqui, tutti, dei maturandi.

Le attività svolte dagli studenti durante gli anni e riportate all’esame sono state veramente notevoli, in quanto ogni indirizzo liceale ha focalizzato l’attenzione su performance diverse ma altrettanto considerevoli. Se nel Tradizionale ha prevalso la frequenza di laboratori nella Facoltà di Ingegneria dell’Unisalento, per la conoscenza di materiali e del loro uso, stage presso l’INFN o in laboratori medici, nello Scienze Applicate i ragazzi si sono cimentati su attività nella redazione di “Emergenza climatica”, prima climateca accademica italiana col CEDEUAM di Unisalento, iscritta presso la Commissione Europea ; infine nel Coreutico la prova pratica, che lo caratterizza, si è basata su una variazione tratta dal repertorio del balletto classico, in cui per ogni candidato viene scelto un personaggio da interpretare dal punto di vista tecnico, espressivo e gestuale, oltre alla scelta del costume, con successiva presentazione dell’ambientazione storica e che tanto ha emozionato quanti vi hanno assistito.

Noi come Liceo Scientifico-Coreutico vogliamo augurare uno splendido futuro a tutti coloro che si sono maturati nell’anno scolastico 2020-2021 a conclusione di un cammino in salita, viste le difficoltà degli ultimi due anni, ma anche tanto esaltante per i risultati conseguiti. In particolare ai nostri centini: Alessandra CAROVIGNO (100 e lode), Giorgia EPIFANI (110), Alessandro FRANCO (100), Luca GALIANO (100), Giulio LA SALA (100 e lode), Alessandra MARCELLINO (100 e lode), Francesco MURRA (100), Filippo ROSATO (100), Francesca SCIANARO (100) / Greta CAMPOREALE (100 e lode), Sara MARTINUCCI (100), Sara SUMMA (100 e lode) / Francesco FAGGIANO (100) /  Anna Grazia BECCI (100), Marco FERRARI (100 e lode), Federica MIGLIETTA (100 e lode), Paola STRIDI (100), Elisabeth TURCO (100 e lode).   E al loro entusiasmo con cui hanno consentito la pubblicazione dei loro nomi, dato che una nuova normativa invita ad inserire i risultati finali esclusivamente nel Registro elettronico, sicché ognuno prenda visione del proprio voto. Per la privacy, per evitare assembramenti negli ingressi degli istituti? La realtà è che scompare con questa maturità il “rito” della visione dei “cartelloni”, come tanti altri, causa–pandemia, ad esempio il poter entrare liberamente ad assistere all’esame dei compagni o il cosiddetto gavettone ad esame finito, che chiudeva il ciclo spensierato della vita da ragazzo/a per aprirne un altro da giovane-adulto/a.

Vogliamo, a conclusione, rivolgere ai nostri ormai exalunni un pensiero augurale di ritrovarli un giorno professionisti affermati e soprattutto uomini e donne soddisfatti della loro vita. A tutti ad maiora semper.

 

administrator

Related Articles