Accoltella l’amico di Mesagne: 30enne di San Michele Salentino accusato di tentato omicidio

Si erano messi d’accordo per un passaggio in auto fino a Bari, ma chi doveva guidarla, poco prima di andare a prendere l’altro, ha disdetto i piani: il 30enne Giacomo Nigro, commerciante di San Michele Salentino, ha accoltellato l’amico coetaneo di Mesagne perché gli ha fatto perdere un appuntamento.

È accusato di tentato omicidio Giacomo Nigro, condotto nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari, dopo una rapida indagine condotta dai carabinieri della stazione di San Michele, che l’hanno arrestato in flagranza di reato.

La vittima, un trentenne di Mesagne, dopo esser stata raggiunta da un fendente sul viso, uno sulla mano e sul dorso nella giornata di ieri, 12 febbraio intorno alle 14,  ha chiamato in soccorso i carabinieri raccontandogli che era stato aggredito dall’amico Giacomo Nigro. I militari, dopo aver identificato l’autore, si sono immediatamente messi sulle sue tracce, scovandolo e bloccandolo nelle campagne di San Michele, vicino alla sua abitazione.

Condotto in caserma per gli accertamenti del caso, i carabinieri hanno scoperto che Nigro aveva anche inviato messaggi con minacce di morte all’amico mesagnese poco prima che lo accoltellasse, perché, annullando il passaggio in auto, gli aveva fatto saltare l’appuntamento a Bari.

La vittima, dopo i primi soccorsi, è stata trasportata dall’ambulanza del 118 all’ospedale Perrino di Brindisi, in cui i sanitari hanno riscontrato ferite da arma da taglio al volto,  alla mano e sul dorso, all’altezza  del lombo sacrale, guaribili in 25 giorni.

Giacomo Nigro, invece, è stato condotto nella sua abitazione in regime di arresti domiciliari da cui dovrà rispondere del reato di tentato omicidio.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *