Home Attualità I controlli servono. Che fine hanno fatto 50 tonnellate di indifferenziato?

I controlli servono. Che fine hanno fatto 50 tonnellate di indifferenziato?

da Cosimo Saracino
1 commento 31 visite

IMG_6486

E’ la domanda che ci siamo posti quando abbiamo letto i dati del conferimento dell’indifferenziato in discarica. I controlli ai rifiuti indifferenziati hanno prodotto gli effetti sperati. I mesagnesi si stanno impegnando nel differenziare i rifiuti tanto da conferire la metà di indifferenziato il sabato. I dati che ci sono stati forniti dall’Ufficio Ecologia del Comune sono chiari.

Nella prima settimana di Febbraio, quando ancora non erano iniziati i controlli, gli operatori ecologici avevano ritirato dalle utenze domestiche 99,30 tonnellate di rifiuti ‘tal quale’.

La seconda settimana, sabato 13 febbraio, quando sono iniziati i controlli con i vigili urbani i camion hanno portato in discarica 76,42 tonnellate di rifiuti indifferenziati.

Ma il dato più sorprendente è stato quello di sabato scorso. Il 20 febbraio i mesagnesi hanno prodotto ‘solo’ 52,98 tonnellate di rifiuti indifferenziati. La metà circa rispetto all’inizio del mese.

Che fine hanno fatto i rifiuti? Purtroppo dobbiamo segnalare ancora una volta che ci sono persone che stanno buttando nelle campagne bustoni di rifiuti. In altre situazioni, come è successo in qualche condominio, gli amministratori si sono dati da fare per differenziare i rifiuti lasciati il sabato precedente e altri invece hanno dovuto chiamare ditte private per smaltire l’indifferenziato fatto male. Ma per la maggior parte delle utenze domestiche c’è stata una maggiore sensibilità nella differenziazione .

I dati per la carta, la plastica e l’umido non sono ancora disponibili ma crediamo che saranno superiori parallelamente ai controlli del sabato. Se possiamo fare una battuta – ma che è anche un’amara constatazione – potremmo dire che le 50 tonnellate di rifiuti che mancano all’appello probabilmente si trovano nello stesso posto in cui sono andate a finire le centinaia di macchine che erano parcheggiate tutto il giorno per le piazze principali della nostra Mesagne.

banner distante

Potrebbe piacerti anche

1 commento

claudio venerdì, 26 Febbraio 2016 - 16:13

secondo me tutto questo sarebbe dovuto fare all’inizio della raccolta uno schema come quello che stato fatto ora e così credo che non saremo arrivati a tutto questo. Per cui dico una cosa per qualsia cosa che si farà si dovrà fare in modo che non ci sia un caus dopo ci vuole solo un po di attenzione a programmare una cosa per poi non darsi una zappata sui piedi.

Commenti chiusi.

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND