Home Politica WEEKEND DEMOCRATICO, IL PD DISTRIBUISCE VOLANTINO CONTRO AMMINISTRAZIONE

WEEKEND DEMOCRATICO, IL PD DISTRIBUISCE VOLANTINO CONTRO AMMINISTRAZIONE

da Cosimo Saracino
0 commento 38 visite
pd1pd2
Il Partito Democratico pugliese ha individuato nelle giornate di Venerdì 18, Sabato 19 e Domenica 20 Dicembre il momento conclusivo per il tesseramento valido per l’anno 2015. Per queste giornate il programma del Partito Democratico di Mesagne sarà il seguente:
– Sabato 19 Dicembre dalle ore  9.00 alle ore 12.00 sarà possibile ritirare la propria tessera presso la sede in via Roma, 33;
– Domenica 20 Dicembre dalle ore 9.00 alle ore 13.00  in piazza Gioberti, all’interno dell’area dove si  svolge il mercato di Natale, il PD sarà presente con un banchetto per il tesseramento. In questa occasione sarà distribuito un volantino sulla situazione amministrativa.
_______________________________________________________________________________
Il testo del volantino è il seguente:
Cari Mesagnesi,
sono trascorsi 7 mesi da quando la nostra città é stata chiamata al voto per l’elezione del Sindaco ed il rinnovo del consiglio comunale.
É trascorso un periodo di tempo sufficiente per esprimere qualche valutazione. A nostro avviso l’amministrazione Molfetta deve cambiare passo e per farlo deve, innazitutto, assumersi la responsabilità politica di amministrare la città, se ne è capace. Finora Molfetta e la sua maggioranza hanno distribuito colpe ad altri davanti ad ogni difficoltà  : all’ex amministrazione (come se loro non ne facessero parte), ai funzionari del comune per i finanziamenti persi, ai “cittadini incivili” per i problemi che riguardano la raccolta differenziata, addirittura al Governo per il taglio delle ore di assistenza ad anziani e diversamente abili. Fare il Sindaco o l’assessore non vuol dire indossare la fascia tricolore o fare sortite sui giornali per annunciare ” interventi” negli ambiti di propria competenza. Fare il Sindaco o l’assessore di una comunità vuol dire, innanzitutto, caricare sulle proprie spalle il peso dei problemi di una città e trovare soluzioni. Vuol dire affrontare le questioni con dedizione e con la fierezza di profondere ogni sforzo possibile per risolverle. Vuol dire “darsi” alla comunità.
SOLIDARIETÀ
Nella nostra idea di città amministrare con poche risorse significa innanzi tutto garantire diritti e assistenza ai più deboli, tutto il resto può aspettare.
Il taglio al servizi ADI e SAD per anziani e disabili annunciati dal sindaco Molfetta e poi parzialmente ritirati, a seconda della gravità dei casi, dimostrano quanto in 7 mesi l’amministrazione non ha prestato a questo tema l’attenzione che meritava. Si spenda meno dei circa 200 mila euro spesi in questi mesi per eventi e spettacoli, se necessario, ma non si lasci indietro chi ha bisogno di più solidarietà.
TRASPARENZA E LEGALITÀ
Il decreto legislativo n. 33 del 14/3/2013 definisce i principi generali di trasparenza cui devono attenersi le pubbliche amministrazioni: la trasparenza é intesa come accessibilità totale delle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche. Il comune di Mesagne non può continuare a  non adeguarsi a questa normativa. La trasparenza non é uno slogan ma da qualche anno é un obbligo di legge.
TASSE
Il Sindaco Molfetta aveva fatto della riduzione delle tasse il principale slogan della sua campagna elettorale. In 7 mesi la sua amministrazione ha approvato il regolamento per l’Imposta unica comunale, il bilancio di previsione, le tariffe per la TARI e l’assestamento di bilancio ma non c’è traccia di una riduzione della pressione fiscale per i cittadini. Tutto ciò a fronte di un avanzo di bilancio di 1 milione 200 mila euro lasciato dall’amministrazione Scoditti e in parte destinato alla riduzione delle tasse con una delibera di consiglio comunale, delibera della quale l’amministrazione Molfetta non ha tenuto conto.
CICLO DEI RIFIUTI
Per quanto riguarda il ciclo dei rifiuti nella nostra provincia la situazione  é di costante emergenza. Andiamo verso un ulteriore e preoccupante aumento della TARI  e la prospettiva è quella di una città sempre più sporca. Il problema non si risolverà con qualche richiamo ai cittadini “Incivili” che più volte il sindaco Molfetta ha fatto in questi mesi. La soluzione passa per una strategia che guardi un po’ più lontano, sia per quanto riguarda il problema degli impianti  per lo smaltimento dei rifiuti, di cui anche un’amministrazione comunale può e deve farsi carico  dialogando con altri comuni limitrofi, sia attraverso la gestione del rapporto con la ditta che svolge il servizio di raccolta rispetto alla quale il comune non può essere subalterno in cambio di qualche posto di lavoro.
SVILUPPO ECONOMICO E LAVORO
Il polo universitario brindisino e la cittadella della ricerca sembrano non essere nell’agenda degli impegni di questa amministrazione. Eppure il lavoro ed i giovani erano altri due slogan importanti della campagna elettorale condotta da Molfetta. La cultura e la formazione, il tema di come connettere conoscenze e intelligenze alla domanda di lavoro del nostro territorio ed allo sviluppo strategico di alcuni settori, non possono non essere una priorità per un sindaco ed un’amministrazione che dicono di avere una visione per governare la città.

banner distante

Potrebbe piacerti anche

QuiMesagne – redazione@quimesagne.it
Testata giornalistica Qui Mesagne registrata presso il Tribunale di Brindisi Registro stampa 4/2015 | Editore: KM 707 Smart Srls Società registrata al ROC – Registro Operatori della Comunicazione n. 31905 del 21/08/2018

Amministratore Unico/Direttore Editoriale: Ivano Rolli  – Direttore Responsabile: Cosimo Saracino

Copyright ©2022 | Km 707 Smart Srls | P.I. 02546150745

Realizzato da MIND