UFFICIO RECLAMI – Mesagnesi fermiamo il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nelle campagne

15857576_10208557109671335_1699069073_oPreg.mo Direttore, come tanti tra noi condivido l’amore per la natura e la passione per la corsa all’aria aperta (running). Con mio immenso rammarico, questa che illustro in alcuni fotogrammi sottostanti è la situazione che ho incontrato stamattina percorrendo la pubblica via Panareo, a solo qualche chilometro dall’abitato di Mesagne, in Contrada “Misericordia”. Come potrà agevolmente rilevare scorrendo le foto, la situazione è davvero grave. Abbiamo davvero necessità di continuare a giocare a “guardia e ladro”? No, non possiamo far finta di nulla! Non possiamo permettere un simile scempio! È nostro preciso Dovere combattere il qualunquismo dilagante.
La natura ci appartiene, le nostre campagne…le nostre Contrade ci appartengono. Basta, fermiamo il dilagante fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti. Non aspettiamo l’intervento della Magistratura, della Forza pubblica. Attraverso la diffusione della Sua testata giornalistica, vorrei rivolgere ai miei concittadini il solo invito a combattere l’indifferenza: più volte, abbiamo dato la nostra forte testimonianza di contrasto all’illegalità. Facciamolo ancora una volta! Robert Green Ingersoll, noto avvocato e leader politico statunitense del secolo scorso sosteneva come “…in natura non ci sono né ricompense né punizioni…ma solo conseguenze”! Coraggio, insieme si può… G.Luca Aresta

Condividi l'articolo

One Comment - Scrivi un commento

  1. Fabio M. Alfonsetti · Edit

    siccome sono anni che la situazione è così in quel posto, e posso testimoniarlo tranquillamente perchè risiedo a poche centinaia di metri, la domanda sorge spontanea: ci vuole tanto a mettere una telecamera per disincentivare la simpatica usanza di questi trogloditi? A cosa serve ripulire ogni tanto ( e nemmeno bene, fra l’altro) se il giorno dopo siamo punto è a capo? Quanto cavolo costa una telecamera? Sempre mancanza di soldi per giustificare anni di sfregio e di accanimento a senso unico nei confronti di quell’angolo incantevole (ed incolpevole) di campagna? Ma solo con le lacrime di coccodrillo, solo con la retorica ed il buonismo si vorrebbe difendere l’ambiente? Nel territorio che ha creduto di omaggiare l’ “ambiente” incentivando il business del fotovoltaico nei campi, in questo mondo alla rovescia, i carichi di immondizia riversati nelle campagne, giustamente, sono il giusto premio alla nostra coerenza. Vergogna senza fine!

    Risposta

Post Comment