Ecco come abbiamo trovato il canile: “Box pieni di neve, escrementi ovunque e un cane morto”

incontro volontari e sindaco su canileHanno dovuto spalare la neve dai box, raccogliere gli escrementi da terra e dare da mangiare ai cani del canile. I volontari dell’associazione “Gli amici di Snoopy” questa mattina hanno incontrato il sindaco, l’assessore Tecla Pisanò e la dirigente del settore ambiente dott.ssa Francesca Andriola per denunciare il “disinteresse” che gli operai della cooperativa che gestisce i servizi al canile hanno avuto in questi giorni di maltempo. “Abbiamo trovato anche un cane morto, probabilmente assiderato e poi una situazione indescrivibile nei box”. Parole forti che hanno incontrato il disappunto dei rappresentati istituzionali che hanno chiesto alla cooperativa una relazione dettagliata. Un incontro durato più di tre quarti d’ora, a tratti animato, in cui sono stati sviscerati tutti i problemi di rapporto che ci sono tra Comune, volontari e lavoratori della cooperativa.

Ma ciò che è accaduto tra venerdì e domenica nel canile comunale, secondo quanto raccontano i volontari, è al limite “della revoca del servizio”. “Nessuno ci ha aiutato a pulire i box – dice Yvonne Falcone -. Eravamo lì per portare delle coperte con cui scaldare i cani invece quando siamo arrivati abbiamo trovato i box invasi dalla neve che nessuno aveva spalato. Gli escrementi sparsi ovunque e qualche croccantino gettato in mezzo al ghiaccio. Nessuno si era preso cura dei cani. Ci siamo rimboccate le maniche e abbiamo fatto tutto noi. Abbiamo trovato anche un cane morto, per questo abbiamo allertato il Comune nella persona di Tecla Pisanò la quale ha inviato sul posto il consigliere comunale Roberto D’Ancona per accertarsi della situazione. Il dubbio è che il cane sia morto per il freddo”. Su questo argomento la dirigente Andriola ha assicurato che effettuerà una verifica chiedendo al veterinario una relazione dettagliata per capire che cosa sia successo all’animale. “Come volontari – continua Falcone – denunciamo una disorganizzazione nel servizio e un disinteresse per la salute degli animali da parte dei lavoratori del canile. Il servizio sabato pomeriggio alle 14 era scoperto, cioè non c’era nessuna vigilanza al canile”. I volontari si sono presi la briga anche di far liberare la strada che porta al canile “lo avrebbero dovuto fare gli operatori, ma non è stato così – chiosano “Gli amici di Snoopy”.

Il Primo cittadino ha informato i volontari che domenica, insieme al consigliere delegato alle manutenzioni Roberto D’Ancona, si è recato al canile per verificare la situazione generale. “Ho trovato gli operai che stavano lavorando – dichiara -, certo con tante difficoltà perchè queste persone non hanno molti mezzi a disposizione e la situazione generale a causa della neve era critica”.

Il problema del canile comunale di Mesagne è diventato una cosa seria. Sono anni che si tenta di trovare una nuova azienda che prenda in carico il servizio, ma le gare vanno sempre deserte. In questi giorni il Comune starebbe preparando una nuova gara sempre facendo riferimento alle disposizioni Regionali. Nel capitolato ha inserito in maniera più chiara i lavori che la ditta vincitrice dovrà fare per salvaguardare la salute dei cani. Ma la clausola di salvaguardia del personale e i soldi insufficienti faranno andare ancora una volta la gara deserta (?).

“Sulla clausola di salvaguardia del personale – ha insistito a gran voce il sindaco – non transigo. Questi lavoratori devono essere salvaguardati come altri che sono impegnati nella raccolta dei rifiuti, del verde pubblico e di tutti gli altri servizi del Comune”.

Rimane, però, il dovere di tutelare la salute dei circa 230 cani ospitati nel canile comunale. I lavoratori della cooperativa ogni giorno sono attenti a portare le cure necessarie a questi animali. Ma cosa è successo in questi ultimi giorni? Perchè (come affermano i volontari) i cani sono stati lasciati in mezzo alla neve? Cosimo Saracino

Ecco alcune immagini di come i volontari hanno trovato il canile nei giorni scorsi:

Condividi l'articolo